Rodi Garganico: Pesca a strascico multe e sequestri

Rodi Garganico: Pesca a strascico multe e sequestri

103
0
CONDIVIDI

Rodi Garganico, pesca a strascico: multata imbarcazione

Pesca a strascico, ‘pizzicato’ peschereccio: controlli e multe salate a largo di Rodi

Al comandante del peschereccio sono state elevate due sanzioni amministrative – rispettivamente da € 4.000 – per aver effettuato la pesca a strascico in tempi vietati e per aver occultato elementi di prova relativi ad un’indagine

Pesca a strascico sul Gargano, nei guai imbarcazione a largo di Rodi Garganico. E’ accaduto all’alba di ieri, durante l’attività di vigilanza pesca e polizia marittima tra il Comune di Rodi Garganico e il nord del Circondario Marittimo, finalizzata a monitorare le attività di pesca in rispetto del Decreto del Fermo Pesca temporaneo Obbligatorio.

Alle 6 di ieri, l’equipaggio della Motovedetta CP 543 della Guardia Costiera di Rodi Garganico ha intercettato un’unità da pesca intenta alla pesca a strascico, nelle acque adiacenti la località Lido del Sole, a circa 5,1 miglia dalla costa, profondità del fondale 28 metri circa, attività vietata in questo periodo come disciplinata dal Decreto in materia. Gli occupanti della predetta unità da pesca, vistiti scoperti, hanno  aumentato la velocità del motore e filavato entrambi i cavi dacciaio in mare senza lasciare segnali indicanti le estremità degli stessi.

Al comandante del peschhreccio sono state elevate due sanzioni amministrative – rispettivamente da € 4.000 – per aver effettuato la pesca a strascico in tempi vietati e per aver occultato, manomesso o eliminato elementi di prova relativi ad un’indagine posta in essere dagli ispettori della pesca, dagli organi deputati alla vigilanza ed al controllo e dagli osservatori, nell’esercizio delle loro funzioni. Inoltre sono stati notificati i verbali relativi all’applicazione procedimento di assegnazione punti per infrazioni gravi per i comandanti di pescherecci.

voce:foggiatoday

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento