ProLoco, le domande di diverse associazioni del Foggiano sono fuori tempo

ProLoco, le domande di diverse associazioni del Foggiano sono fuori tempo

109
0
CONDIVIDI

Puglia, le Pro Loco in provincia di Foggia
Fuori termine le domande inviate dalle associazioni Pro Loco di Apricena, Castelnuovo della Daunia e San Nicandro Garganico. Respinte Ascoli Satriano, Chieuti e San Severo. A Biccari numero dei soci insufficiente
Sono 164 quest’anno le associazioni Pro Loco pugliesi iscritte all’albo regionale pubblicato sul Bollettino Ufficiale n. 100 del primo settembre scorso. E’ quanto emerge dall’atto del dirigente della Sezione Turismo numero 52 dell’11 agosto scorso.

Sulla base delle domande pervenute, l’iscrizione – indispensabile per l’assegnazione di contributi regionali utili allo svolgimento dei programmi annuali di attività turistica – è stata accordata a 66 associazioni della provincia di Lecce, 32 della Capitanata, 27 della provincia di Bari, 18 del Tarantino, 14 della provincia di Brindisi e sette della BAT.

Quattordici invece le domande escluse poiché la documentazione è stata inviata fuori termine. Tra queste figurano Apricena, Castelnuovo della Daunia e San Nicandro Garganico. In provincia di Foggia sono state respinte le richieste di Ascoli Satriano, Chieuti e San Severo poiché la documentazione è risultata incompleta. Niente da fare anche per la Pro Loco di Biccari del presidente Iorino, esclusa per numero insufficiente di soci.

Queste le Pro Loco foggiane iscritte all’Albo regionale 2016: Accadia, quella di Biccari del presidente Mormando, di Bovino, Cagnano Varano, Carpino, la ‘De Rocca’ di Casalnuovo Monterotaro, Casalvecchio di Puglia, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, ‘A. Iossa’ di Deliceto, Foggia ‘Città di Foggia’, Lucera, Manfredonia, Mattinata, Monteleone di Puglia, Monte Sant’Angelo, Ordona, Orsara di Puglia, Orta Nova, Rocchetta Sant’Antonio, San Giovanni Rotondo, San Marco La Catola, la ‘Civitas’ di San Paolo di Civitate’, ‘Pierino d’Onofrio’ di Sant’Agata di Puglia, Stornara, Stornarella, la ‘Peppino Barbieri’ di Torremaggiore, Troia, Vico del Gargano, Vieste ‘Città di Vieste’, Volturino e Zapponeta.

Oltre duecento, per la precisione 208, le associazioni dei comuni pugliesi tesserate all’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia: trenta del Barese, tredici del Brindisino, nove della provincia Barletta-Andria-Trani, 37 della provincia di Foggia, ben 91 del Leccese, 28 della provincia di Taranto.

Questi i comuni foggiani iscritti all’associazione nazionale di promozione sociale UNPLI: Accadia, Ascoli Satriano, Bovino, Cagnano Varano, Candela, Carpino, Casalnuovo Monterotaro, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Celenza Valfortore, Cerignola, Deliceto, Foggia, Marina di Lesina, Lucera, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Orta Nova, Rocchetta Sant’Antonio, Roseto Valfortore, Sant’Agata di Puglia, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, San Marco La Catola, San Paolo di Civitate, San Severo, San Nicandro Garganico, Stornara, Torremaggiore, Troia, Vico del Gargano, Vieste, Volturino, Zapponeta.

Sulla Montagna del Sole non dispongono di una Pro Loco i comuni di Rodi Garganico, Peschici e della Isole Tremiti. E che fine ha fatto l’Ischitella Gargano Pro Loco? Da notare che l’associazione di Rignano Garganico – il comune più piccolo della Montagna del Sole – non risulta iscritta né all’albo regionale né in quello nazionale.

voce:foggiatoday

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento