Olimpiadi Roma 2024: La Raggi ferma sul NO

Olimpiadi Roma 2024: La Raggi ferma sul NO

144
0
CONDIVIDI

Giochi, Raggi ufficializza il no, “Candidatura irresponsabile”

Il sindaco: “No a colate cemento e Olimpiadi del mattone”. Poi lo schiaffo a Malagò: salta l’incontro in Campidoglio

La mozione per dire “no” alla candidatura di Roma alle Olimpiadi nel 2024 è già pronta.Virginia Raggi dà buca al numero uno del Coni Giovanni Malagò, con cui aveva fissato un incontro in Campidoglio, e presenta la mozione per annullare la delibera del giugno 2015 con cui l’allora sindaco Ignazio Marino aveva, di fatto, candidato la Capitale ai Giochi olimpici.

“È da irresponsabili dire di sì a questa candidatura delle Olimpiadi – ha tuonato in conferenza stampa – non vogliamo colate di cemento sulla città”.

“Le Olimpiadi sarebbero un affare per i costruttori”, ha detto la Raggi in una Sala delle Bandiere affollatissima. “La mia valutazione – ha continuato – è che queste Olimpiadi non siano sostenibili dal punto di vista economico”. Il 25 giugno 2015, in epoca Marino, l’assemblea capitolina aveva approvato la mozione a favore della presentazione della candidatura di Roma. Il 17 febbraio 2016 il Comitato promotore aveva quindi presentato la prima parte del dossier dal titolo “Visione, Concetti e strategia”, ratificato dall’allora commissario Francesco Paolo Tronca. La seconda parte, relativa alle “garanzie”, avrebbe dovuto essere presentata il 7 ottobre, quindi con il “sigillo” della Raggi. Che, a questo punto, è evidente non ratificherà. Mettendo, come promesso in campagna elettorale, la parola fine alla candidatura di Roma ai Giochi del 2024.

Per giustificare il proprio “no” alle Olimpiadi il Movimento 5 Stelle prende come esempi i casi di Amburgo, Madrid e Boston. “Non ci servono altre cattedrali nel deserto – ha aggiunto Raggi – noi non siamo contro lo sport e faremo più di quanto farebbero le Olimpiadi per lo sport a Roma”. La mozione è l’unico modo per uscire dal guado. Il Consiglio comunale ora sarà chiamato a votarla esprimendo così il proprio “no” ai Giochi e superando il presuntoempasse fatto notare dal Coni. “Parliamo in diretta streaming – ha chiesto Malagò alla Raggi prima dell’incontro – la trasparenza ha sempre contraddistinto l’operato del comitato promotore”. Ma la trasparenza non è più il forte dei grillini. Così, dopo avergli fatto fare anticamera per un bel po’, un addetto stampa del Comune di Roma ha avvisato Malagò che il sindaco non si sarebbe presentato. A quel punto la delegazione del Coni ha lasciato il Campidoglio. “È a causa di un mio contrattempo – si è giustificata la Raggi – e mi è dispiaciuto che il presidente Malagò sia andato via proprio mentre arrivavo”.

VEDI OFFERTE DI LAVORO

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina facebook

voce:ilgiornale

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento