Maltempo: Capitanata in Ginocchio, si fa la conta dei danni

Maltempo: Capitanata in Ginocchio, si fa la conta dei danni

201
0
CONDIVIDI

Cia Puglia fa il bilancio: in provincia di Foggia vigneti e uliveti allagati, campi di pomodoro sott’acqua, sospesa la vendemmia, circa 2300 ettari di oro rosso al macero

maltempo-capitanata-puglia-cia-ginocchio-conta-danni

Il maltempo che ha interessato per diversi giorni l’intero territorio pugliese ha inferto un duro colpo alle coltivazioni agricole e alle strutture aziendali. Si stimano in decine di milioni di euro i danni subiti dalle aziende agricole pugliesi a causa dei temporali e dei nubifragi che si sono abbattuti sul territorio dal 6 settembre sino a ieri, domenica 11 settembre.

In provincia di Foggia è stata pesantemente colpita San Severo, dove è morto annegato Raffaele Russi, un agricoltore di 65 anni trascinato dal fango.

maltempo-capitanata-puglia-cia-ginocchio-conta-danniI danni alle coltivazioni orticole, ai campi di pomodoro, ai vigneti e agli uliveti riguardano tutto il Foggiano, con conseguenze più gravi nell’Alto Tavoliere e nei Monti Dauni. I campi di pomodoro, nelle zone in cui si doveva ancora completare la raccolta, sono allagati, con la raccolta che è stata sospesa già da diversi giorni. Vendemmia sospesa in tutto il Foggiano. Pomodori danneggiati ovunque. Con l’acqua caduta, la vendemmia interrotta e i pomodori sui campi, si pongono anche i problemi relativi al decadimento della qualità dei prodotti e al pericolo incombente di muffe e fitopatologie sulle colture.

I corsi d’acqua non hanno tenuto, riproponendo la necessità di interventi ordinari e straordinari di manutenzione dei canali e degli alvei. Grandi difficoltà si riscontrano per la viabilità rurale e per le strade provinciali a servizio delle aziende agricole, con gli agricoltori impossibilitati in molti casi a raggiungere i campi.

Fra le grandinate di giugno e le piogge di questi giorni, oltre 2300 ettari di pomodoro sono destinati a restare sui campi, questo anche a causa delle infestazioni di orobanche e batteriosi che hanno ulteriormente decimato la produzione.

voce:restodelgargano

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento