Juve – Sassuolo, non c’è storia, netto 3 a 1

Juve – Sassuolo, non c’è storia, netto 3 a 1

180
0
CONDIVIDI

Juve-Sassuolo 3-1: Higuain doppietta, segna anche Pjanic, Allegri fa festa

Il Pipita segna due gol in 10 minuti, poi il tris del bosniaco all’esordio e la rete di Antei su errore di Buffon: i bianconeri sfiorano più volte il poker, si concedono qualche sbandamento in difesa e centrano la terza vittoria in tre partite

Qualità HD. Anche più che HD. Com’è il nuovo formato? 4K? Ecco, siamo lì, anche se i gol della Juve sono solo 3 (a 1). Non solo Higuain e Dybala. La Juve contro il Sassuolo chiude in mezz’ora, ma soprattutto mostra doti tecniche e giocate di categoria superiore. Non solo ai rivali e alla concorrenza italiana in genere, ma anche rispetto al recente passato, quello dei 5 scudetti consecutivi. Da Pjanic a un Khedira in versione deluxe, dal sontuoso Alex Sandro fino al solito Bonucci dietro. Togliete Chiellini, che ha altre doti, e se siete difficili anche Lichtsteiner e Lemina: tutti gli altri danno del tu al pallone, coccolandolo pure.
Il gol in mezza rovesciata di Gonzalo Higuain. Reuters

Il gol in mezza rovesciata di Gonzalo Higuain. Reuters

GRAN GIOCO — Il resto, probabilmente, lo fa Allegri: i suoi finché non tirano inconsapevolmente i remi in barca occupano il terreno di gioco, creano azioni elaborate e belle da vedere, arrivano a tirare in porta una decina di volte e raccolgono una quindicina di corner. Max domani se la prenderà per le occasioni concesse a Ragusa e Politano, nella parte finale del match, con un risultato che non era abbastanza nel ghiaccio per quanto si era visto. A cercare per forza il pelo nell’uovo, serve più cattiveria, e Dybala almeno inizialmente mostra un po’ di sudditanza verso Higuain (vuole sempre dargliela, invece di tirare). Ma, neanche a dirlo, i più sovrastano i meno e l’impatto di Higuain fa tremare il campionato.
MERCATINO DEL GOL — Higuain-Pjanic: due clausole pagate, non proprio low cost, due aggiunte che spediscono la Juve in una nuova dimensione. Bastano 5’ per capire che allo Stadium, quest’anno, ci saranno cose belle da vedere. Corner per il Sassuolo, Miralem con una finta e una giocata fa saltare il pressing: si va in verticale da Khedira e poi Dybala. Apertura per Higuain: il diagonale di Gonzalo non perdona. Era la prima da titolare per mister “chili di troppo”: in 10’ segna una doppietta. Il secondo lampo è abbacinante: Khedira fa la torre su una respinta di testa della difesa, lui si inventa una girata al volo che se non vale i 90 milioni di euro, almeno li giustifica in prospettiva. Ma veniamo a Pjanic. Aveva già timbrato il cartellino con alcune giocate a centrocampo di quelle che spostano gli equilibri: arriva anche il gol, del 3-0 al 27’. Khedira (c’è sempre, lui) crossa da destra, Miralem al debutto colpisce di testa la traversa, poi si avventa sul rimpallo. Gioca avanzato, quasi da trequartista, sfiorerà il gol anche nella ripresa (grande azione, parata di Consigli): l’impressione è che vedremo l’esultanza col pollice in bocca abbastanza spesso.
CI PROVI L’INTER — Il Sassuolo segna con Antei, su corner di Politano, dopo un’uscita a vuoto di Buffon. Per un’oretta fa da sparring partner, poi alza la testa. Finirà nella parte alta della classifica, anche se Vrsaljko e Sansone non si sostituiscono in un giorno, anche se Matri pare parlare un’altra lingua, anche se il centrocampo (in inferiorità) soffre e la difesa a tratti balla. Però Politano ha dei guizzi, Berardi tornerà e Di Francesco non rinuncia a giocare. E poi, questa era la Juve HD. Ci provi l’Inter, il prossimo turno, a fare meglio.
voce:gazzetta

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento