Foggia: Sequestrata ed indotta alla prostituzione

Foggia: Sequestrata ed indotta alla prostituzione

159
0
CONDIVIDI

Foggia. Sequestrata e indotta alla prostituzione: salvata 28enne.

I fatti

A seguito di contatti telefonici intercorsi tra personale della Squadra Mobile e due volontari del servizio civile all’Estero di stanza ad ARAD (Romania), gli agenti della Mobile di Foggia hanno appreso che il 30 agosto 2016 era giunta a Foggia, proveniente dalla Romania, una giovane donna di circa 28 anni tale C.V. di etnia Rom che – contattata da un giovane Rumeno – era stata invitata i Italia per svolgere il lavoro di badante. I volontari avevano ricevuto le informazioni dalla sorella della C.V., che aveva riferito che le persone stavano raggiungendo Foggia a bordo di un’autovettura.

I volontari, in costante contatto con gli investigatori della Squadra Mobile, hanno riferito di aver appreso dalla sorella della C.V. che la donna era molto preoccupata perché aveva ricevuto il giorno precedente un SMS da parte dell’utenza intestata a sua sorella riportante la frase “ITALIA FOGGIA SUNA ” che in rumeno significa “Italia Foggia chiamami”.

A seguito del messaggio, la donna ha chiamato sua sorella apprendendo dalla stessa di essere stata sequestrata e che non poteva parlare al telefono. La sorella della donna sequestrata ha così informato gli inquirenti del sequestro, della sottrazione dei documenti, aggiungendo che sue sorella era stata picchiata dagli uomini che l’avevano condotta in Italia, ai volontari del servizio civile, che la sorella sarebbe stata costretta a prostituirsi, nelle ore serali, nei pressi della stazione dei treni, nonché costretta all’accattonaggio nelle ore diurne anche fuori Foggia.

A seguito della segnalazione, gli stessi volontari, su indicazione del personale della sezione “Criminalità Diffusa, Straniera e Prostituzione”, hanno inoltrato tramite whatsapp informazioni sulla donna sequestrata e indicazioni sull’uomo che l’avrebbe condotta in Italia. Attivate le indagini la donna è stata individuata a Termoli.

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina facebook

voce:statoquotidiano

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento