Film consigliati a settembre

Film consigliati a settembre

162
0
CONDIVIDI
photo of an old movie projector

10 film al cinema a settembre, la selezione sui titoli più attesi del mese

Sui tanti film al cinema questo mese, quali sono gli ‘imperdibili’? Eccone 10. Quelli di cui tutti parlano, quelli che, nel bene e nel male, ti ritroverai a commentare davanti a un caffè nelle pause di lavoro o con gli amici, quelli che dovrai scgliere con chi vedere o per vedere i quali ti capiterà di impuntarti, magari con la tua ragazza, quelli che ‘ti toccheranno’ da padre, zio, amico fraterno e, pur non avendone voglia, finirai per apprezzare.

Independence Day: Rigenerazione di Roland Emmerich(8 settembre)
In questi giorni osservate bene il cielo: gli alieni di Emmerich invaderanno di nuovo la Terra e i cinema. Dopo il successo del 1996 il re dei disaster movie e dei Transformers non poteva non regalarci il secondo capitolo del film di fantascienza che 20 anni fa ha lasciato il segno. Ricordate l’esplosione della Casa Bianca? Questa volta l’ira degli alieni è centuplicata.

Tommaso di Kim Rossi Stuart (8 settembre)
Era da tempo che si attendeva un ritorno del ragazzo dal kimono d’oro dietro la macchina da presa.

A 10 anni dal gioiellino Anche Libero va bene Kim Rossi Stuart firma il secondo film da regista. Si sa, quando l’opera prima sorprende è ancora più difficile uguagliarla. Kim comunque ha avuto il coraggio di mettersi a nudo e di cercare una strada tragicomica per raccontare un vuoto interiore. il trailer sotto

L’estate addosso di Gabriele Muccino (14 settembre)
Gabriele Muccino abbandona le star americane per mettersi in viaggio con quattro adolescenti alla ricerca di se stessi, di nuove emozioni ed esperienze. “L’estate è la stagione dei cambiamenti”, garantisce il regista de L’ultimo bacio, che ritorna a indagare con leggerezza l’amore giovanile.

Alla ricerca di Dory di Andrew Stanton e Angus MacLane (15 settembre)
Se qualche anno fa nell’oceano del cinema d’animazione si perdeva il pesce pagliaccio dalla pinna atrofica creato dai geni della Pixar, oggi a perdersi è l’amica Dory, la pesciolina smemorata che dice di parlare balenese (e qui capirete finalmente il perché). Un’altra avventura subacquea divertente ed emozionante.

The Beatles: Eight Days a Week di Ron Howard (15 settembre)
Un evento: 30 minuti del mitico concerto dei Beatles del 1965 allo Shea Stadium verrà proiettato al temine del film di Ron Howard. I fan urleranno. Il documentario si concentra sulla prima parte della carriera dei Beatles (1962-1966): dall’epoca del The Cavern Club di Liverpool, al loro ultimo concerto al Candlestick Park di San Francisco del 1966.

Blair Witch di Adam Wingard (21 settembre)
Era il 1999 quando il genere horror subì uno scossone: arrivò nelle sale The Blair Witch Project. Un film a bassissimo budget, di grande successo, girato in soggettiva che come un videogame conduceva lo spettatore nei meandri della paura. Il 21 settembre uscirà nelle sale il sequel e sembra che la strega di Blair sia ancora in vena di spaventare chi frequenta la foresta di Black Hills.

Bridges Jones’s Baby di Sharon Maguire (22 settembre)
Ritorna in azione la pasticciona Bridget Jones (Renée Zelweger). Per una volta sembra che alla soglia dei quarant’anni tutto proceda per il verso giusto, ma l’incontro con Jack (Patrick Dempsey) metterà in discussione il rapporto con Mark (Colin Firth). Non solo: Bridget è in dolce attesa e, cosa ancor più grave, ignora l’identità del padre.

I magnifici sette di Antoine Fuqua (22 settembre)
Un classico della cinematografia western rivisitato in chiave moderna dal regista di Training Day. Questa volta a far danzare le pistole ci penseranno Denzel Washington, Chris Pratt, Ethan Hawke, Vincent D’Onofrio, ecc. Il remake sarà all’altezza del film di John Sturges? Si accettano scommesse.

 

Ben Hur di Timur Bekmambetov (29 settembre)
È il mese dei sequel e dei remake. È toccato anche al colossal Ben-Hur di William Wyler, vincitore di ben 11 premi Oscar, essere riesumato per ritornare a nuova vita in sala. A prendersi la briga del grattacapo ci ha pensato il regista russo di Wanted. Comunque vada, per noi, Giuda Ben-Hur e Messala rimarranno sempre Charlton Heston e Stephen Boyd.

Café Society di Woody Allen (29 settembre)
Un omaggio al cinema dei primi anni Trenta, a un’epoca scintillante in cui lo charme delle star si mescolano con lo stile vibrante dei locali dell’epoca. Allen ci porta tra locali notturni, magnati di Hollywood, playboy, debuttanti, politici e gangster. Il tutto viene osservato attraverso gli occhi del giovane Bobby Dorfman (Jesse Eisenberg).

voce:gq

 

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento