Casa Sollievo della Sofferenza: è arrivato M.A.R.I.O

Casa Sollievo della Sofferenza: è arrivato M.A.R.I.O

700
0
CONDIVIDI

San Giovanni Rotondo. M.A.R.I.O., il robot assistente che si prenderà cura degli anziani con demenza senile, è finalmente arrivato in Casa Sollievo della Sofferenza. Imballato in un box di legno appositamente studiato, è stato consegnato all’Unità Sistemi Informativi Innovazione e Ricerca. M.A.R.I.O., acronimo di “Managing active and healthy aging with use of caring service robots – Sistema di gestione dell’invecchiamento attivo e in salute mediante l’uso di robot assistivo”, è un progetto di ricerca finanziato con 4 milioni di euro dal programma Horizon 2020 dell’Unione Europea. Partito nel febbraio del 2015, coinvolge 10 enti europei tra cui anche l’Ospedale di San Giovanni Rotondo.

m-a-r-i-o-con-antonio-greco-primario-geriatria-irccs-casa-sollievo

Il robot, quando sarà completata la fase di sviluppo, assisterà gli anziani dal punto di vista mnemonico e sociale. Non fornirà assistenza fisica ma aiuterà gli anziani a non sentirsi soli: potrà telefonare, leggere le notizie, fungere da portiere, ricordare gli orari dei pasti o delle pillole. In una prima fase potrà interagire grazie ad un tablet posto sulla parte anteriore, successivamente si attiverà con la voce e risponderà persino ai comandi vocali. Il compito dell’IRCCS Casa Sollievo sarà quello di testare il funzionamento di 3 robot all’interno dell’ Ospedale, precisamente nell’Unità di Geriatria e di fornire, ai partner tecnologici, indicazioni

necessarie per implementare l’automa e m-a-r-i-o-con-i-tecnici-dellunita-sistemi-informativi-innovazione-e-ricercarenderlo in grado di comprendere lo stato di salute degli ammalati. Osservando l’anziano, il robot dovrà monitorare una serie di valori, tra cui: parametri vitali, disabilità funzionale, numero di farmaci, stato cognitivo, stato nutrizionale e rischio piaghe da decubito.

 

Terminata la fase della formazione – per ora riservata ai tecnici, e lo sviluppo del software, da completare per alcuni aspetti – il passo successivo riguarderà la formazione di medici, infermieri e psicologi che dovranno utilizzarlo.

 

 

 

voce:statoquotidiano

Ti è piaciuto l’articolo? Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti


Lascia un commento